Skip to main content

Escape Room – 24Elle

Una grande novità al Parco della Fantasia!
La prima ESCAPE ROOM ispirata all’opera di Gianni Rodari “C’era due volte il Barone Lamberto

Tra le pagine di C’era due volte il Barone LambertoGianni Rodari scrisse: “Non tutti saranno soddisfatti della conclusione della storia. Tra l’altro non si sa bene che fine farà Lamberto e cosa diventerà da grande. A questo, però, c’è rimedio. Ogni lettore scontento del finale può cambiarlo a suo piacere, aggiungendo al libro un capitolo o due. O anche tredici. Mai lasciarsi spaventare dalla parola Fine”.

È proprio da qui, dalla curiosità di scoprire cosa potrebbe essere successo dopo il finale che abbiamo sempre conosciuto, che nasce l’idea di VENTIQUATTRO ELLE, la prima Escape Room (un gioco nel quale i partecipanti, all’interno di una stanza allestita a tema, hanno 90 minuti per completare insieme una missione, risolvendo codici, enigmi, rompicapo e indovinelli) ispirata a “C’era due volte il Barone Lamberto) di Gianni Rodari.

L’esperienza di gioco:

Sono trascorsi diversi anni dai fatti narrati nel romanzo. Il barone Lamberto, “rinato” a 13 anni nel finale della storia originale, si avvia verso la meritata pensione dopo una carriera circense in giro per il mondo…

Una banda di ladri, i 24Elle, ha elaborato un piano per trovare e scassinare i forzieri dove il barone conserva i suoi tesori. Tutto è pronto per il grande colpo: peccato che “l’hacker” della banda – l’unico a conoscere i codici per superare i sistemi di sicurezza del barone – si sia preso le ferie proprio il giorno del furto…

Ed è qui che subentrano i partecipanti all’Escape Room: in collegamento diretto con gli altri 23Elle, già sull’isola di San Giulio, avranno 90 minuti di tempo per guidare il gruppo di ladri nell’impresa attraverso un computer, tra indizi, enigmi, indovinelli, uso di oggetti e altre sorprese da scoprire.

[ Progettata e realizzata dallo studio We are Müesli di Milano ]
Per maggiori info e per prenotare:
forumshopomegna@gmail.com
0323 887233

Leave a Reply